BP accetta una multa di $ 25 milioni per la fuoriuscita del 2006 di petrolio greggio Brent in Alaska – Educazione Forex

BP accetta una multa di $ 25 milioni per la fuoriuscita del 2006 di petrolio greggio Brent in Alaska


Una consociata di British Petroleum in Alaska ha accettato di monitorare e gestire più da vicino l’integrità dei suoi gasdotti per la corrosione come parte di un accordo con il governo degli Stati Uniti a seguito della fuoriuscita del 2006 di circa 212.000 galloni di petrolio greggio nelle acque dello stato più settentrionale degli Stati Uniti.

L’Associated Press riferisce che BP Exploration Alaska ha anche accettato di incorrere in una sanzione federale di $ 25 milioni per la fuoriuscita che è iniziata a marzo prima che una seconda perdita trabocchasse petrolio dai gasdotti della compagnia sul versante nord.

Annunciata martedì, la multa di $ 25 milioni costituisce un precedente segnando la più grande pena civile mai imposta. La cifra riduce il limite di legge perché l’accordo prevede la liquidazione dei reclami in aggiunta alla fuoriuscita di petrolio, secondo l’Environmental Protection Agency.

“Questa sanzione dovrebbe servire da campanello d’allarme a tutti gli operatori del gasdotto che saranno ritenuti responsabili della sicurezza delle loro operazioni e della loro conformità con il Clean Water Act, il Clean Air Act e le leggi sulla sicurezza del gasdotto”, assistente del procuratore USA Ignacia S. Moreno ha detto ai giornalisti durante una teleconferenza.

L’accordo era giusto e reciprocamente accettabile per l’azienda, un funzionario ha detto al servizio di notizie tramite un messaggio di posta elettronica.

“È stata concordata una sanzione”, secondo la nota del portavoce Steve Rinehart. “Riteniamo che i termini dell’accordo siano giusti”.

Rinehart ha anche osservato che le operazioni saranno monitorate da un appaltatore indipendente.

Una perdita nella linea di transito è nata nel marzo 2006. La maggior parte dell’olio fuoriuscito derivava da quella perdita, che si è verificata tra il centro di raccolta e la stazione di pompaggio. Dopo quattro mesi, la società ha iniziato a esplorare l’interno delle condutture con dispositivi che rilevano anomalie. A quel punto, la seconda perdita si aprì.

Karen Loeffler, avvocato statunitense per l’Alaska, ha dichiarato che la sanzione dichiara che BP ha riconosciuto una lavorazione scadente e la mancata sicurezza delle tubature.

I dispositivi sensoriali sono stati rilevati in 16 punti in cui era possibile la corrosione e hanno bloccato solo una parte del campo petrolifero di grandi dimensioni.

Ma nel 2007, i procedimenti penali hanno visto BP riconoscere la propria colpa per gli sversamenti, per i quali la società ha subito multe di $ 20 milioni, di cui $ 12 milioni di natura criminale, secondo Cynthia Giles, assistente amministratore dell’ufficio EPA per l’applicazione e l’assicurazione della conformità .

L’alto funzionario della pipeline del dipartimento dei trasporti e l’amministrazione della sicurezza dei materiali pericolosi ha dichiarato che l’ufficio ha ordinato a BP di riparare i gravi problemi di sicurezza rilevati dagli investigatori dell’agenzia. Dopo che BP non ha corretto questi problemi per un anno, il governo ha presentato il contenzioso civile.

Ma la funzione del monitor indipendente sarà quella di continuare a seguire l’impegno dell’azienda offensiva di conformarsi all’accordo con il governo. Il record di BP di consentire il rispetto passivo delle scadenze serve da indicatore del fatto che la società deve essere seguita con vigilanza, secondo l’assistente amministratore dell’EPA.

“Non prenderemo semplicemente BP alla sua parola”, ha detto Giles al servizio stampa.

Ma la società ha cercato di migliorare la gestione delle condotte sospette, ha detto il portavoce. BP ha dedicato più risorse, più capitale umano e processi più avanzati alla causa.

“Ciò include più personale, più spese, tecnologia più recente, ispezioni più frequenti e meno perdite”, secondo Rinehart, che ha notato che BP ha aumentato e modernizzato i dispositivi di rilevamento delle perdite, nonché i sistemi anticorrosivi.

Questi aggiornamenti costarono alla società $ 500 milioni entro la fine del 2008, ha osservato Rinehart.

Alle 12:14 giovedì, i future sul greggio Brent sono scesi del 5,87% in valore, un tuffo di $ 7,11 a $ 114,08 al barile.

Recent Content

link to Negoziare con leva

Negoziare con leva

Domande comuni poste dai nuovi operatori Come broker di materie prime e opzioni su commodity sia per il trading online auto-diretto sia per il trading assistito da broker, le due principali domande che mi vengono poste dai nuovi trader sono: Qual è l’errore più grande che fanno gli operatori? Qual è la caratteristica più importante […]