Riduzione dell’esposizione del portafoglio al dollaro USA – Educazione Forex

Riduzione dell’esposizione del portafoglio al dollaro USA


Molti investitori e commercianti hanno troppa esposizione al dollaro USA. Possedere azioni, obbligazioni, immobili e materie prime quotate in USD crea una forte esposizione al dollaro USA. Quando i mercati si schiantano, la maggior parte delle classi di attività viene venduta pesantemente e il dollaro USA aumenta, in quella che viene definita una reazione di mercato “fuga verso la sicurezza”. Il problema per la maggior parte degli investitori è che conducono tutti i loro investimenti o scambi in dollari statunitensi, quindi quando il dollaro sale, il resto del mercato sta diminuendo. Quando il mercato si arresta in modo anomalo e si necessita maggiormente della diversificazione, la maggior parte delle attività viene venduta e il capitale fugge verso il dollaro USA.
Gestione del rischio e rischio non diversificabile

Qualsiasi investitore o operatore, che ha trascorso un po ‘di tempo a leggere sulla gestione del rischio, ha trovato i termini “rischio sistemico”, “rischio sistematico” e “rischio non diversificabile”. Questi concetti si basano sul fatto che tu sei sempre un patrimonio lungo e tu sono lunghi in cambio di dollari USA. Inoltre, poiché il tuo portafoglio è sempre composto da posizioni “long only”, sei sempre soggetto a crolli del mercato.

La tua esposizione al rischio di mercato non deve essere così estrema. Hai opzioni ed è più facile di quanto pensi ridurre il tuo “rischio non diversificato” nel tuo portafoglio. Un modo per ridurre questo rischio è quello di coprire parte della tua esposizione al dollaro USA. Ciò non coprirà tutti i rischi non diversificabili, ma aiuterà in caso di arresto del mercato. Se si desidera ridurre l’esposizione al dollaro USA, è necessario acquistare il contratto a termine sull’indice del dollaro USA.
Riduzione del rischio non diversificabile attraverso l’indice del dollaro USA

L’indice del dollaro USA è un contratto a termine che valuta il dollaro USA rispetto a un paniere di valute estere. Questo paniere di valute è composto dal 57,6% di valuta euro (EUR), 13,6% di yen giapponesi (JPY), 11,9% di grande sterlina britannica (GBP), 9,1% di dollaro canadese (CAD), 4,2% di corona svedese (SEK) e 3,6% Franco svizzero (CHF).

Se sei lungo l’indice del dollaro USA, sei lungo il dollaro USA e corto in euro, yen, sterlina, canadese, franco svizzero e corona. Se sei short sull’indice del dollaro USA sei short sul dollaro USA e lungo il paniere di valute estere.

Se il tuo portafoglio è composto da posizioni interamente lunghe, acquistate in dollari USA, puoi ridurre la tua esposizione all’USD acquistando l’indice del dollaro USA. La posizione lunga dell’USD nell’indice del dollaro USA si annullerà con parte dell’esposizione corta in USD nel portafoglio long only, lasciando tali posizioni lunghe in termini di paniere di valute estere.
Esempio: oro lungo

Diciamo che sei lungo 100 once d’oro a $ 1400 / oz nel mercato dei futures. Sei lungo $ 140.000 di oro al prezzo in USD. Questo può anche essere visto come croce oro contro USD o Oro / USD. Per acquistare oro, è stato necessario utilizzare dollari statunitensi, quindi si tratta di oro lungo e dollari corti, che possono essere rappresentati lungo la croce oro / USD.

Ora supponiamo che non desideri semplicemente detenere oro in USD. Vuoi detenere l’oro in un mix di USD e valute estere. La tua posizione lunga in oro è una croce in oro / USD. Per coprire l’USD, devi essere in una posizione che è lunga USD e corta qualcos’altro. Se vendessi la croce EUR / USD, saresti a corto di Euro e lungo a USD. Sembrerebbe una posizione lunga USD / EUR. Se combinassi USD / EUR + l’oro / USD esistente, l’USD lungo e quello corto si annullerebbero a vicenda e verrebbero lasciati solo GOLD / EUR, o oro lungo in termini di Euro.

ORO / USD + USD / EUR = ORO / EUR

Ora che abbiamo questo concetto verso il basso, applicalo come oro lungo (Oro / USD) e lungo l’indice del dollaro USA (USD / (EUR + GBP + JPY + CAD + CHF + SEK)). Lungo l’indice del dollaro USA a 80.000 è un valore totale del contratto di $ 80.000. Combiniamo la nostra posizione lunga in oro e l’indice in dollari statunitensi e vediamo esattamente in cosa si trasforma:

Oro lungo da 100 once a $ 1400 / oz = $ 140.000 GOLD / USD
Long 1 US Dollar Index a 80.000 = $ 80.000 USD / (EUR + GBP + JPY + CAD + CHF + SEK)

La seconda posizione è un lungo indice da $ 80.000 in dollari USA. Quel dollaro americano lungo da $ 80.000 in seconda posizione cancellerà $ 80.000 dai $ short da $ 140.000 dalla prima posizione. Ciò ci lascia a lungo solo $ 60.000 in oro / USD e gli altri 80.000 sono ora in oro / (EUR + GBP + JPY + CAD + CHF + SEK).

Lungo $ 60.000 in oro / USD
Equivalente lungo di $ 80.000 in oro in termini di EUR, GBP, JPY, CAD, CHF e SEK.

Ora sono lungo oro in un paniere di valute. Puoi applicare questo metodo a qualsiasi risorsa. Il valore totale del contratto dell’indice del dollaro USA è un multiplo di $ 1000 rispetto all’indice. Quindi, se vuoi coprire $ 800.000 di esposizione in USD nel tuo portafoglio complessivo, tutto ciò che devi fare è acquistare 8 contratti sull’indice del dollaro USA a 80.000. 80.000 X $ 1000 = $ 80.000 valore totale del contratto. $ 80.000 contratti X 10 = $ 800.000.

Questo esempio non funziona solo con un investimento in oro, ma può essere qualsiasi altro contratto futures, azioni, obbligazioni, ecc. Tutto ciò che stai cercando di fare è ridurre l’esposizione netta che hai verso il dollaro USA. Se ci pensate, se il vostro portafoglio finanziario totale è composto da cose che avete acquistato (azioni, obbligazioni, proprietà immobiliari, ecc.) Con USD, avete un enorme short sinteticoPosizione in dollari USA (portafoglio / USD). Ecco perché quando i mercati si schiantano, l’intero portafoglio diminuisce. Tutto viene venduto mentre il Dollaro USA è in offerta.
Perché investitori e operatori finanziari devono coprire la propria esposizione in dollari USA

Non si sa mai quando si verificherà la prossima crisi finanziaria. Non si sa mai quando avremo il prossimo crash flash o quando la prossima nazione europea sarà inadempiente sul suo debito. Riducendo la tua esposizione al dollaro USA, i trader e gli investitori possono ridurre il loro “rischio non diversificabile”.

Mentre l’indice del dollaro USA può coprire $ 80.000 di rischio USD quando valutato a 80.000, il margine richiesto per l’indice del dollaro USA è solo $ 1729 per contratto. Per qualche migliaio di margini, un trader o un investitore può coprire in modo efficiente ed efficace parte del rischio valutario nei confronti del dollaro USA.

Alcuni investitori e trader con cui lavoro mi chiedono perché non usare solo opzioni put per la protezione. Il problema con le opzioni put è che sono uno spreco di risorse. Il decadimento temporale delle put rende costoso coprire l’ignoto. I futures non sono un spreco di risorse. Se il dollaro USA viene scambiato a 80.000 noah, beh w, e viene scambiato a 80.000 tra tre mesi, il conto economico è di $ 0. Chiunque abbia mai acquistato un’opzione, il prezzo del sottostante è rimasto invariato per alcuni mesi, sicuramente sa che la sua opzione varrà molto meno a causa del decadimento del tempo.
Agisci e proteggi il tuo portafoglio

Se sei preoccupato per la tua esposizione al dollaro USA e alle attività statunitensi, devi parlare con il tuo broker di futures e capire il modo migliore per coprire parte della tua esposizione al dollaro USA. Se non hai accesso a un professionista del settore che capisce il rischio del portafoglio di copertura, chiamaci al Makris Trading e saremo più che felici di aiutarti a ridurre il rischio di portafoglio “non diversificabile”.

Recent Content

link to 6 Suggerimenti non comuni per la gestione dei rischi per il trading di futures

6 Suggerimenti non comuni per la gestione dei rischi per il trading di futures

In questo articolo, discuterò di sei metodi di gestione del rischio che gli investitori potrebbero normalmente non prendere in considerazione, ma dovrebbero esercitarsi attivamente durante le negoziazioni nel mercato dei futures. La corretta gestione del proprio rischio potrebbe non trarre profitti abbondanti in sé e per sé, ma nella mia esperienza, assicura che il vostro […]